Il modo più semplice e veloce per richiedere un visto d'ingresso in Italia?
Contatta Gipifin e segui tre semplici passaggi per velocizzare e velocizzare tutte le carte di cui hai bisogno!

Politica di Fideussoria per il visto turistico italiano

La garanzia bancaria è un documento obbligatorio per ottenere il visto per l'Italia per la visita di parenti, amici e / o fidanzate, garantendo all'ospite dall'ingresso in Italia i mezzi di sussistenza durante il soggiorno in Italia. Per l'invito di una persona straniera per turismo hanno semplicemente bisogno della loro carta d'identità personale e codice fiscale un documento di reddito della persona che effettua l'invito e il passaporto dell'ospite chi deve richiedere un visto per l'Italia.

La cauzione per l'estero e la politica medica per l'emissione del visto per venire in Italia sono obbligatori?

Le due polizze sono obbligatorie e garantiscono rispettivamente durante il soggiorno dell'ospite nell'area Schengen: il primo mezzo di sussistenza e il secondo il rimborso delle spese mediche e il rimpatrio delle spese di cadavere in caso di morte .

Dopo aver completato l'acquisto dal tuo account Pay Pal, fai clic su TORNA AL SITO DEL VENDITORE per seguire tutte le nostre istruzioni inviandoci i documenti necessari per completare il file!
Prepara i documenti:
  • Carta d'identità
  • Codice fiscale
  • Documento sul reddito
  • Passaporto dell'ospite che deve richiedere un visto per l'Italia.
  •  

    La soluzione ideale e di qualità che in pochi clic offre documenti e politiche di partecipazione estera!

     

    La garanzia bancaria per una richiesta di visto Schengen è richiesta anche per i paesi con un'esenzione dal visto?
    I cittadini dei paesi con un'esenzione dal visto non hanno bisogno di un visto breve per un massimo di 90 giorni, quindi (non è necessario richiedere un visto al consolato italiano), ma ovviamente il regime di esenzione non implica che il viaggiatore benefici un ingresso automatico proprio nel territorio Schengen.

    I cittadini dei seguenti paesi sono esentati dall'obbligo del visto d'ingresso per soggiorni fino a 90 giorni, per turismo, missione, affari, invito, competizione sportiva e studio:
    Albania, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia ed Erzegovina, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Colombia, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Dominica, El Salvador, Ex Repubblica iugoslava di Macedonia (FYROM ), Emirati Arabi Uniti, Giappone, Grenada, Guatemala, Honduras, Hong Kong, Israele, Malesia, Macao, Marianna settentrionale, Mauritius, Messico, Monaco, Montenegro, Nicaragua, Nuova Zelanda, Palau, Panama, Perù, Paraguay, Saint Kitts e Nevis, Samoa, Santa Lucia, Serbia, Seychelles, Singapore, Stati Uniti, St. Vincent e Grenadine, Taiwan, Timor Est, Tonga, Trinidad e Tobago, Uruguay, Vanatu, Venezuela.

    Per i cittadini di Taiwan, l'esenzione dal visto si applica solo ai titolari di passaporto, compreso il numero di carta d'identità.
    Per i cittadini di Albania, Bosnia-Erzegovina, ex Repubblica iugoslava di Macedonia, Moldova, Montenegro e Serbia, l'esenzione dall'obbligo del visto si applica solo ai titolari di passaporti biometrici.
    I cittadini serbi in possesso di passaporto rilasciati dalla Direzione di coordinamento serba (in serbo: Koordinaciona upreva) sono esclusi dall'esenzione dal visto.
    I cittadini di SAN MARINO, SANTA SEDE e SVIZZERA sono comunque esenti dall'obbligo del visto:
    Quando un visitatore entra in una visita privata invitata da un cittadino straniero che vive in Italia per entrare nello spazio Schengen, deve essere presentato al documento di controllo di frontiera un documento che dimostra la garanzia dei mezzi di supporto documentati durante la visita.
    L'importo da garantire dipende dal periodo di soggiorno del richiedente nel territorio Schengen.
    La tabella per determinare i mezzi di sussistenza richiesti per l'ingresso in Italia (per: visto di lavoro, visto di assistenza medica e anche per qualsiasi accompagnatore, competizione sportiva, motivi religiosi, studio, transito, trasporto, visto turistico), da:

  • la mostra di denaro;
  • garanzie bancarie;
  • politiche di garanzia;
  • strumenti di credito equivalenti;
  • titoli di servizi prepagati o documenti che dimostrano la disponibilità in Italia di fonti di reddito.
    Maggiori informazioni:
    DECRETO LEGISLATIVO 25 luglio 1998, n. 286
    Testo consolidato delle disposizioni relative alla regolamentazione dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero.
    Condizioni generali per l'ingresso di stranieri in Italia